Della libertà, Pensieri

Il palloncino

Il palloncino è un oggetto che allieta tutti i bambini. Chissà poi perché. Chissà cosa ci troveranno a portarselo in giro orgogliosi e bisogna tenere ben salda la presa, altrimenti tenta di andarsene.

Lo si strattona un po’, lo si tira a sé, lo si schiaffeggia. E orgogliosamente si procede tenendo ben stretto il filo che li lega.

Ma chissà perché lui, il palloncino, resta completamente all’altro capo del filo, si spinge verso su. “Vuole forse andarsene? Perché non ha voglia di stare con me?”, si chiede il bimbo capriccioso dalla parte che comanda il filo. E il sorriso, pian piano, sul suo viso, si trasforma in una smorfia.

E allora, si dimena, lo strattona sempre più, sino a che, tutto quel dimenarsi fa sì che il filo scappi dalla paffutella mano. E il bimbo, talvolta, resta semplicemente a guardare il palloncino che vola via; a bocca aperta; con gli occhi sgranati.

Ma dove andrà quel palloncino? Sale. E sale. Sempre più in alto, sembra volersi allontanare da noi. Chissà dove si fermerà; chissà se si fermerà; chissà se esploderà; non lo sapremo mai!

palloncini

Ci basta poco per dimenticarci di quel palloncino: rosso, giallo, verde o blu che sia, ce ne dimenticheremo in fretta.

Chissà, lasciati liberi di andare, i nostri sogni  fin dove potrebbero arrivare;

Chissà se ci dimenticheremmo mai di loro;

Chissà se si fermerebbero mai.

Ma come per quel bimbo, a cui il palloncino avevano regalato, così anche chi li ha trattenuti, frenati, ripensati e cambiati mille volte è il fautore della loro realizzazione. Sempre. Non ambizioni, ma sogni.

L’ambizione ci fa tenere alto lo sguardo e la concentrazione, ci tiene legati al filo. I sogni viaggiano liberi, naturalmente; vanno dove li porta l’aria. Si realizzano così, semplicemente.

Il sogno è fatto di noi e non ha bisogno di essere guidato, ma solo lasciato libero di andare.

E così, per l’anno che verrà, vi auguro la realizzazione di un sogno e sicuramente vi sentirete, semplicemente, felici.

 

Buon 2013

Annunci
Standard

2 thoughts on “Il palloncino

  1. Hai ragione caro Guido ( carinissima la favola)
    I sogni non si lasciano guidare, vanno come le nuvole da un cielo all’ altro in cerca
    del suo sognatore

    Buona giornata,con nacione
    Mistral

  2. I sogni non posso essere guidati, perché è la nostra stessa vita a non poterlo essere.
    Per avverarsi (i sogni e la vita) devono superare difficoltà, avversità e imprevisti.
    Solo liberi potranno farcela.

    Grazie, Mistral

    Un abbraccio
    Guido

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...