Della Musica, Pensieri

L’immortalità e la perfezione

David Bowie è morto e Lazarus riecheggia ancora nelle mie orecchie e le immagini del suo video sono ancora nei miei occhi; continuo a leggerne e interpretarne il significato, il messaggio.

Superato lo sconforto, non chiedetemi perché, i miei pensieri si rivolgono a Jeff Buckley.

E poi …

La TIM decide, inspiegabilmente, di utilizzare Last Goodbye nei suoi spot.

Con sorpresa, ricevo da Grazia due link a registrazioni di puntate di una trasmissione radiofonica di Lucarelli: una sul Duca Bianco e una su Jeff Buckley.

Claudio mi ricorda Jeff taggandomi su FaceBook.

 

David e Jeff.

 

Due esempi, ma opposti: il perfezionismo di Buckley e l’immortalità di David Bowie.

Due esempi, ma opposti: Jeff muore, annegando in modo irresponsabile e imprevedibile, lasciando incompleto il suo secondo lavoro e David muore programmando tutto, qualcuno addirittura dice in modo pilotato, facendo della sua stessa morte un’opera d’arte.

Due esempi, ma opposti : Jeff, che come i grandi artisti, è in grado di arricchire solo i suoi posteri con le centinaia di bootleg e pubblicazioni postume, a cui non ha mai avuto il coraggio di dar seguito in vita; David, l’opera d’arte vivente, dalle mille installazioni senza pudore e vergogna, che hanno caratterizzato sei decadi e che gli hanno prodotto un patrimonio per il quale si è dimostrato un incredibile amministratore.

Due esempi, ma opposti: Jeff scrive e interpreta inconsapevolmente il suo commiato dal pubblico, Last Goodbye

e David pianifica testo, immagini e data di uscita di Lazarus.

 

La grandezza di Bowie, che tutto ha potuto oscurare il giorno della sua morte, non ha potuto coprire la luce e la passione che il tormentato Jeff ha lasciato nel mio cuore e, a quanto pare, nel cuore di tanti.

Chi scegliere non saprei; e credo che una scelta non sia possibile: posso solo dichiararmi felice di aver condiviso un’epoca accompagnata dalle trasformazioni di David e di aver avuto modo di rimanere folgorato dalla struggente ed effimera bellezza di Jeff.

A David e Jeff

 

Annunci
Standard

6 thoughts on “L’immortalità e la perfezione

  1. Caro Guido, la Musicadi due grandi interpreti che si sono distinti ognuno in modo personale nel panorama della musica mondiale.
    David Istrionico, Genio, Rivoluzione
    Jeff la Bellezza ,con la sua orma di Malinconica grandezza

    Grazie anche a te che ci fai vivere di musica, poesia ed emozioni
    Ti abbraccio
    Mistral

  2. Inquietante il video Lazarus …struggente e bellissimo al tempo stesso…fa riflettere…la lucidità di chi va incontro alla fine… e commuove …perchè non c’è mai un momento “giusto”…

    • La vita tutta di David Bowie è, per certi versi, inquietante e, al tempo stesso, divina. Il video finale, a mio modo di vedere, è il giusto epilogo di un’opera d’arte vivente. La sua ultima installazione.
      Ma, per la mia esperienza di vita, è stata altrettanto importante la musica e le interpretazione di Jeff Buckley.

      No, non c’è mai un momento giusto. E come potrebbe! Magia e bellezza della vita, arricchita dalla indeterminatezza della morte.
      Grazie
      Guido

      • L’ultimo suo video…la sua eredità spirituale e musicale…che dire mi ha commosso, riaperto antiche ferite ma al tempo stesso, fatto emergere parole soffocate che attendevano di essere comprese ed elaborate…finalmente…con il suo sottofondo ho scritto il frammento “le parole non dette”…grazie a te e a David…in un mondo, adesoo, forse più simile al mio…!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...